Paolo Valgrande | Paolo Valgrande

Paolo Valgrande

Paolo Valgrande

Designer, Artigiano, Orafo

 

Paolo ValgrandeUn giorno ho visto un orefice fondere un pezzo di oro e trasformarlo in anello: il potere del fuoco sul metallo mi ha affascinato. Subito gli ho chiesto di insegnarmi quel mestiere così… e sono andato a lavorare da lui durante l’estate; avevo 13 anni.

Intorno ai 20 anni ho cominciato a lavorare nel laboratorio di colui che è stato il mio maestro, dove ho imparato le basi e l’approccio creativo all’ arte orafa.

Dopo qualche anno ho deciso di cambiare aria e sono partito per Londra. Era il 1986 e per puro caso sono finito in una gioielleria heavy metal dove ho conosciuto buona parte dei miei miti di quel periodo, da Mitch Mitchell a Ozzy Osbourne, nostri abituali clienti e Robert Plant, per il quale ho realizzato un medaglione comparso sul disco Now and Zen.

É stato un periodo illuminante sia a livello umano che lavorativo e mi ha trasmesso competenze, originalità e visione organica del mio lavoro. Dopo due anni la pioggia costante ed il cibo inglese hanno avuto la meglio e ho deciso così di tornare a Torino per dare concretezza alle mie visioni e ho cominciato con divertimento e impegno a lavorare alle mie prime creazioni.

La passione per l’heavy metal non mi ha abbandonato, suono tutt’ora in un gruppo metal come bassista; in una Torino postindustriale quei suoni duri e potenti contrastano con la bellezza e l’armonia del centro città in cui vivo e lavoro.

Questo gioco di opposti è sempre presente nelle mie creazioni.

I miei gioielli sono dunque frutto delle mie esperienze e passioni, anche se spesso sono proprio i clienti a darmi ispirazione per nuovi lavori.

Oltre a questo aggiungo la passione per i viaggi, le moto, le biciclette e tutto quello che ha due ruote, e naturalmente continuo ad incantarmi davanti al fuoco che fonde il metallo.